mercoledì 19 ottobre 2016

Fiom Pisa, comunicato sull'incontro in Regione Toscana per la Piaggio e l'indotto - 19.10.2016

Il giorno 19 Ottobre presso gli uffici della Regione Toscana si è tenuto il previsto incontro con il Presidente della Regione e i suoi collaboratori. All'incontro richiesto congiuntamente da FIOM-CGIL, UILM UIL di Pisa e il Presidente dell'Unione dei Comuni della Valdera e i Sindaci di Pontedera e Santa Maria a Monte, hanno partecipato anche la FIM-CISL di Pisa, la FIOM Toscana e le tre confederazioni CGIL, CISL e UIL. La FIM-CISL di Pisa dopo aver espresso anticipatamente la propria posizione, ha abbandonato il tavolo, non rendendosi, nei fatti, ancora una volta disponibile a nessun tipo di confronto riguardante solo la Piaggio e le aziende dell'indotto. La delegazione Sindacale e i Sindaci, hanno illustrato al Presidente la grave crisi industriale ed occupazionale nella quale versano la quasi totalità delle aziende metalmeccaniche della Valdera e in particolare quelle le cui commesse dipendono esclusivamente o in larga parte da Piaggio. Tutti i partecipanti alla riunione hanno convenuto sul fatto che, ferme restando le singole criticità e la crisi generalizzata del settore, Piaggio assume un ruolo determinante nella possibilità di ricercare soluzioni e progetti in grado di rilanciare il settore della componentistica, in particolare delle due ruote. Gli interlocutori hanno inoltre convenuto sul fatto che, se correttamente sviluppato ed organizzato, il distretto metalmeccanico e della componentistica della Valdera ha al suo interno le capacita' professionali e tecnologiche in grado di competere ed attirare nuovi investimenti e commesse anche al di fuori della Piaggio stessa. A tal fine, la Regione Toscana si è resa disponibile a verificare in tempi brevi se vi sono le possibilità di formulare progetti e proposte di lavoro per facilitare la ricerca di sinergie tra le aziende del settore. Nel corso della riunione è stata affrontata anche la questione della vertenza Ristori, punta dell'iceberg di questa situazione di grave crisi. Anche in questo caso, la Regione si è resa ulteriormente disponibile allo studio di soluzioni alternative ai 61 licenziamenti dichiarati dall'azienda. FIOM-CGIL e UILM-UIL di Pisa, giudicano estremamente positivo il fatto che tra i diversi interlocutori ci sia piena condivisione delle ragioni della crisi del settore e una convergenza sulle strade da percorrere e sulle iniziative da mettere in campo. Per quel che ci riguarda, al fine di confermare il nostro giudizio positivo, saranno fondamentali le proposte concrete che i vari interlocutori saranno in grado di formulare. Se tali proposte arriveranno, FIOM e UILM non faranno certamente mancare il proprio contributo fattivo e se necessarie le ulteriori iniziative di sostegno e di lotta.  

Segreterie Provinciali FIOM-CGIL e UILM-UIL di Pisa

fonte:http://www.fiomtoscana.it/
Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.