martedì 24 giugno 2014

Fiat. Licenziati cinque operai dello stabilimento di Nola. "Hanno mancato di rispetto a Marchionne"

Alcuni giorni fa, per protestare contro i suicidi degli operai, alcuni lavoratori della Fiat avevano inscenato il "suicidio" dell'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, davanti al reparto logistico di Nola, con tanto di patibolo e cappio. Come rappresaglia, nel perfetto stile della filosofia di comando della Fiat, l'azienda per quest'atto dimostrativo dei Cobas del Comitato di lotta cassintegrati Fiat di Nola, Pomigliano e Napoli ha deciso di licenziare cinque operai. Le lettere di cessazione immediata del rapporto di lavoro sono giunte a casa dei lavoratori pochi minuti fa. Domani, mercoledì, alle ore 11 è indetta una prima mobilitazione ai cancelli della fabbrica. 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.