giovedì 3 luglio 2014

Ilva di Genova. Oggi sciopero: pagato l'ultimo stipendio: commissario senza soldi

Oggi all'Ilva di Genova si è svolto uno sciopero proclamato dalla rappresentanza sindacale unitaria Fim Fiom Uilm durante il quale i manifestanti hanno percorso le vie della delegazione di Cornigliano. Sono diverse le motivazioni che hanno spinto i lavoratori ad incrociare le braccia. Ieri a Roma si è svolto un incontro che le Segreterie Nazionali di Fim, Fiom, Uilm hanno definito come "insoddisfacente". Il neo Commissario Straordinario dell'Ilva Piero Gnudi ha incontrato al Mise i sindacati. Dal quadro che lo stesso Commissario ha tracciato emerge una situazione di grave sofferenza dal Gruppo che, pur riducendo le perdite del 2013, continua a bruciare disponibilità di cassa. Infatti, pur confermando il pagamento degli stipendi, resta il nodo della quattordicesima, che ad oggi non è in pagamento e soprattutto resta l'incertezza per un futuro privo di definizione. La mancanza di risorse e la ricerca di un nuovo proprietario per l'Ilva, cambiano le linee di sviluppo tracciate in questi anni e necessitano di verifiche ed approfondimenti. Per queste ragioni Fim, Fiom, Uilm nazionali hanno proclamato per venerdì 11 luglio lo sciopero generale del Gruppo con manifestazione a Roma davanti alla Presidenza del Consiglio al quale e' stato chiesto formalmente un incontro. 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.