venerdì 21 ottobre 2016

Cosa succede nella Fiom di Pisa

Alla CGIL provinciale, CGIL regionale,
CGIL nazionale, FIOM nazionale, 
agli iscritti FIOM della provincia di Pisa, 
agli organi di informazione 

Nella FIOM di Pisa, in particolare nel suo Direttivo, da quando ne è segretario Marco Comparini, ex “Coordinatore Unico” della RSU della Continental, continuano a verificarsi violazioni dei principi della democrazia interna e dello Statuto della CGIL. 1) Negli ultimi due Direttivi si trattava di sostituire membri dimessi del Direttivo e dell’Assemblea Provinciale della FIOM, in rappresentanza dell’Area di minoranza “Il sindacato è un’altra cosa”. Per Statuto, e prassi consolidata, nella CGIL ogni Area sceglie i propri rappresentanti negli organi dirigenti. Nei due Direttivi, l’Area di maggioranza ha invece per due volte affermato il diritto e il potere della maggioranza di scegliere anche i rappresentanti della minoranza. Infatti, ha respinto la lista proposta, ha imposto modalità di votazione al di fuori di qualsiasi prassi nella CGIL e ha preteso di esaminare e votare separatamente ciascun rappresentante della minoranza. Il tutto per mettere il veto su uno dei compagni proposti, lavoratore della Continental. 2) Nel penultimo Direttivo, la maggioranza ha votato un “Regolamento” interno che viola apertamente sia la lettera che lo spirito di quanto esplicitamente previsto dallo Statuto della CGIL. Il “Regolamento” approvato prevede infatti che per ogni assenza dal Direttivo debba essere prodotta una “giustificazione”, sottoposta alla valutazione non si sa di chi, e che dopo tre assenza “ingiustificate” decada l’appartenenza al Direttivo. Attribuire alla maggioranza il potere di scegliere tutti i componenti degli organi dirigenti significa abolire la rappresentatività di questo organi e far saltare le basi stesse di un’organizzazione democratica. Per questo, in 14 membri dell’area di opposizione, abbiamo abbandonato i due Direttivi, non intendiamo parteciparvi finché non saranno ristabilite le garanzie democratiche statutarie e abbiamo deciso di denunciare pubblicamente, a tutti gli iscritti FIOM della provincia di Pisa, questa situazione di autoritarismo e di arbitrio. Abbiamo presentato in proposito ricorso agli organi preposti della CGIL. Autoritarismo e arbitrio che caratterizzano tutta la gestione della FIOM di Pisa, come dimostrano diversi altri episodi: Il Segretario Provinciale ha tentato, in occasione dell’elezione della RSU Piaggio, di imporre ai candidati la sottoscrizione di un documento dai contenuti arbitrari e in violazione dello Statuto della CGIL, facendo marcia indietro solo all’ultimo momento e di fronte al rifiuto di candidati dell’area di maggioranza. In Piaggio è arrivato a consentire il finanziamento della FIOM alla stampa dei volantini solo per quelli da lui approvati. Nell’ultimo Direttivo, dopo la nostra uscita, è stato messo in votazione, e poi approvato, senza alcuna verifica sui fatti, un documento, presentato da due membri del Direttivo, uno dei quali è della Continental e molto legato al Segretario, che altro non è che un elenco di calunnie nei confronti di delegati Piaggio e Continental della nostra Area.  

L’Area “il sindacato è un’altra cosa” nella FIOM – Pisa 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.