giovedì 16 giugno 2016

Gruppo Piaggio: la Fiom ha la maggioranza dei delegati

A seguito della tornata dei rinnovi delle Rsu nel gruppo Piaggio, risultano eletti complessivamente 24 delegati per la Fiom, 21 Fim, 7 UILM e 3 Usb. Il gruppo Piaggio comprende le aziende Piaggio di Pontedera, Aprilia e Aprilia Racing a Noale e Scorze' e la Guzzi a Mandello del Lario. La Piaggio resta un'azienda complessa e permane una frammentazione sindacale. La Fiom ha la maggioranza assoluta alla Guzzi e alla Aprila Racing, la Fim nello stabilimento di Scorze', mentre a Noale e Pontedera nessun sindacato ha la maggioranza dei delegati nella Rsu. Abbiamo il dovere di ricostruire un rinnovato potere contrattuale sindacale e favorire l'unità dei lavoratori. Il Gruppo Piaggio rappresenta una condizione sindacale diversa rispetto a molti altri importanti gruppi industriali. La gestione aziendale e' mutata radicalmente nel corso di questi anni e si mischiano vecchie rigidità e sistemi apparentemente permissivi, ma solo al fine di instaurare un rapporto più diretto ed individualistico con i lavoratori. Lavoreremo per elevare le condizioni sindacali affinché non vi sia una decadenza di relazioni e della stessa contrattazione riguardo alle condizioni di lavoro, del salario, dell'ambiente e sicurezza e, in particolare modo, dovremmo svolgere un ruolo attivo affinché la Piaggio continui a investire in Italia e, nello stesso tempo, aprire una discussione sulle due ruote nel nostro Paese e su come immaginiamo il trasporto del futuro.  

Massimo Braccini 
coordinatore nazionale Fiom Gruppo Piaggio 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.