mercoledì 25 maggio 2016

Rinnovi RSU nelle aziende metalmeccaniche in Toscana

A seguito della tornata nei rinnovi Rsu nelle aziende metalmeccaniche in tutta la regione, registriamo una indiscutibile affermazione della Fiom Cgil. In Toscana risultano eletti nei luoghi di lavoro 1058 delegati metalmeccanici: 847 appartengono alla FIOM CGIL (80%), 145 alla Fim Cisl (14%), 52 alla Uilm Uil (5%), 7 Usb, 5 Ugl, 2 Fismic. La Fiom nella gran parte delle aziende di settore in Toscana è l'unico sindacato presente, o comunque ha la maggioranza in tutte le imprese dove sono state elette le RSU. Solo in qualche sporadico caso hanno la maggioranza altri sindacati. I voti complessivi ottenuti dalla Fiom vanno oltre ogni aspettativa e dimostrano la solida rappresentanza della nostra categoria in Toscana. Nel panorama delle grandi imprese bisogna sicuramente recuperare sia alla Piaggio che alla Breda, dove comunque nessun sindacato ha una maggioranza qualificata, affinché siano allineate alla rappresentanza sindacale di tutte le altre aziende in Toscana. Questo straordinario risultato è stato reso possibile grazie a tutti quei delegati e delegate che si sono candidati nelle liste della Fiom e che per noi rappresentano le fondamenta e la spina dorsale della categoria. La categoria in questa fase è impegnata in questo difficile rinnovo del contratto nazionale di lavoro. In Toscana sono circa 60.000 i lavoratori interessati al rinnovo del contratto industria metalmeccanica. Se Federmeccanica confermerà la sua posizione intransigente, sarà necessario proclamare a breve, unitariamente alle altre OO.SS, adeguate iniziative di mobilitazione.  

Massimo Braccini, Segretario generale Fiom Toscana 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.