domenica 24 aprile 2016

Sindacatoaltracosa FP. Solidarietà a Sergio

La ritorsione operata da Landini e dalla Segreteria FIOM con il licenziamento del compagno Sergio Bellavita, portavoce nazionale dell’Area Programmatica “Il Sindacato è un’altra cosa-Opposizione in CGIL”, è un attacco a tutta l’area di opposizione da noi rappresentata in cgil, all’espressione del pluralismo e delle garanzie riconosciute dallo statuto a tutti i livelli dell’organizzazione. La gravità di tale atto, difatti, segue il giudizio scomposto e di condanna espresso dalla Fiom a proposito dell’ azione svolta dalla nostra area a sostegno delle compagne e dei compagni di FCA in lotta contro il modello Marchionne e lo straordinario comandato di Sabato negli stabilimenti di Melfi e Termoli. Iniziative, vogliamo ricordarlo, assunte liberamente e spontaneamente dai lavoratori massacrati da turni e carichi di lavoro non più sopportabili e che, nel caso di Termoli, hanno dato luogo agli scioperi contro lo straordinario di Sabato proclamati dalla RSA FIOM di fabbrica. Sergio Bellavita, a cui va la piena ed incondizionata solidarietà delle compagne e dei compagni dell’ area di opposizione nella FP Cgil, viene colpito dalla FIOM per aver sostenuto con coerenza la posizione di tutta l’area nella difesa delle lotte e della resistenza contro il regime introdotto da Marchionne, nelle sue fabbriche simbolo e nel momento in cui si è scelto la resa sull’altare della ritrovata unità con FIM e UILM. Un atto, dunque, frutto di una visione già presente nella società e che rischia di affermarsi anche nel nostro sindacato, volto a espungere il dissenso, nel tentativo della generale omologazione ad una concezione autoritaria della democrazia sindacale e dei rapporti sociali. Di fronte ad una simile operazione che cancella la storia stessa e la natura della Cgil, non possiamo tacere rischiando di esserne travolti tutti. Su questo convincimento chiediamo alla Segretaria Generale S. Camusso ed alla Segreteria CGIL di fermare questa deriva e di intervenire a garanzia del pluralismo e della dialettica interna anche aspra che da sempre sono elementi costitutivi e patrimonio della nostra organizzazione. 

Posta un commento

Commenti

Si comunica che il Manifestino non pubblica ne' insulti ne' affermazioni non motivate .Se vuoi scrivere degli argomenti e sei disposto a discuterli, invia un testo, anche breve ma argomentato, e lo pubblicheremo.Grazie

Iscriviti alla newsletter

Google+ Followers

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini e l'articoli sono reperite nel Web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al creatore che provvederà prontamente alla rimozione del materiale utilizzato.